Books

Agli amori che nascono in primavera

Driiin!

Suona il telefono.

Uno di quelli vecchio stampo, con la rotella impolverata dal tempo.

Una donna risponde.

Si chiama Alda, Alda Merini.

Dalla sua finestra le mura ingrigite dei Navigli.

Un uomo dall’altra parte del filo sorride.

Si chiama Michele, Michele Pierri.

Dalla sua finestra lo sciabordio delle onde marine.

Parlano tanto.

Ore, minuti, secondi. Parole che diventano versi.

Un fiume in piena, ossessione d’amore, redenzione, salvezza.

La poesia, la fame, la solitudine li muovono.

 

 

Io penso a quella che fui

quando morii mill’anni or sono

e adesso tua discepola e canto,

scendo giù fino al Golfo

a toccare la tua ombra superba,

o stanco poeta d’amore

fissato a una lunga croce…

 

 

 
Un amore che muta, diventa tangibile.

Diventa viaggio, stabilità, convivenza.

Lui le regala il mare, lei la sua follia d’amore.

Sposa-bambina di un uomo infinitamente buono, saggio.

Oggi, 21 marzo, il TUO giorno, celebro la vostra unione e regalo al mare una margherita gialla.

Brindo agli amori, quelli che sono nati scrivendo,

quelli legati ad un filo, quelli che ticchettano al suono di una tastiera, quelli che sorridono da una webcam.

 
Annunci

Dai, dicci un fatto pure tu! :)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...